BENESSERE FISICO E SANA ALIMENTAZIONE: QUANTO PUO’ ESSERE UTILE IL “BIA TEST”?

Categoria: Attualita' Scritto da Palma Emanuela Abagnale / September 22, 2019

Con l’arrivo della bella stagione e della tanto temuta prova costume, in tanti sono alla ricerca di diete miracolose, ma quasi sempre si tratta di soluzioni oltre che inefficaci anche dannose per la salute.

La Dott.ssa Elisabetta Casciello, biologa-nutrizionista ci spiega perche:

«Per quale motivo le “diete improvvisate” non sono utili alla salute?»

«Un percorso nutrizionale valido è sempre elaborato in modo individuale tenendo conto delle esigenze e/o problematiche del paziente e non può prescindere dalla guida di una figura professionale del settore. Il dimagrimento salutare, infatti, verte sulla collaborazione tra lo specialista e il paziente sia per il raggiungimento del peso forma che per il supporto che il professionista offre durante tutto il percorso. Mai affidarsi a diete “fai da te” o alla dieta fatta dall’amica o sponsorizzata sul web perché, come dico sempre, ogni persona è un mondo a se e bisogna assolutamente tenerne conto.»

«Quali sono gli strumenti e i metodi che utilizza con i suoi pazienti e per quale motivo?»

«Il primo step nella valutazione dello stato nutrizionale del paziente è la sua storia clinica: anamnesi familiare per conoscere eventuali patologie in famiglia e stabilire predisposizioni genetiche; anamnesi personale (con analisi del sangue) per conoscere lo stato fisiologico del paziente; anamnesi alimentare importantissima per capire insieme al paziente quale sono gli errori in cui incorre e poter costruire un piano alimentare personalizzato che tenga conto degli orari dei pasti, delle abitudini alimentari, dei gusti e dell’attività sportiva. Il secondo step prevede la valutazione della composizione corporea attraverso l’analisi antropometrica (peso e altezza) ed impedenziometrica (BIA test con BIA Akern 101 leader nel settore).»

«Che cos’è il BIA test e come funziona?»

«L’analisi impedenziometricaè un ottimo strumento di valutazione corporea che permette di monitorare il paziente durante tutto il percorso nutrizionale. Il BIA test mi consente di valutare con estrema precisione ed affidabilità lo stato di idratazione, massa magra e massa grassa, massa muscolare, metabolismo basale e peso ideale. Il solo peso non basta a capire come stiamo procedendo: perdere peso non vuol dire perdere massa grassa. Con il BIA test è possibile tenere sotto controllo la perdita di massa grassa per poter garantire al paziente migliori risultati finali.»

«Perché è importante abbinare ad una corretta alimentazione l’attività fisica?»

«Attività sportiva e dieta dovrebbero andare sempre di pari passo, ovviamente tenendo conto delle specifiche condizioni fisiche. Il mio ruolo è anche quello di suggerire al paziente lo sport migliore da praticare per il raggiungimento dell’obbiettivo prefisso. In questo modo sarà più facile perdere peso e mantenere il tono muscolare.»

«Molto spesso è facile perdere il peso-forma raggiunto grazie ad un programma alimentare. In che modo è possibile evitarlo?»

«Il percorso nutrizionale deve soprattutto insegnare al paziente come mangiare. Questo non vuol dire dover fare una vita di rinunce e privazioni ma trovare il giusto equilibrio. Se si mettono in pratiche le regole alimentari apprese durante il periodo di dieta sarà più difficile riacquistare i chili persi.»

INFO:

Dott.ssa Elisabetta Casciello Biologa Nutrizionista

Cell: 371 3549027

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Facebook: Biologa Nutrizionista Dott.ssa Elisabetta Casciello

Thank for sharing!

Info sull'autore


Palma Emanuela Abagnale

Direttore responsabile della rivista CamCampania

Background e Competenze:  “Le mie principali qualifiche sono quelle di Giornalista Pubblicista (iscritta da luglio 2014 all’Albo dei giornalisti pubblicisti della Campania) e di Cultural Manager (avendo conseguito la Laurea magistrale in Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale e Ambientale presso l’Università Federico II di Napoli - Titolo della tesi: “La Comunicazione Integrata per la valorizzazione del territorio). Sono appassionata d’arte e fotografia; raccontare (anche per immagini) e organizzare eventi è ciò che faccio dal 2010 per CamCampania, network artistico-culturale che valorizza beni ambientali e culturali (materiali e immateriali) attraverso la comunicazione integrata.