ANTICA CHIESETTA DI SANT'ANTUONO IN SANT'ANTONIO ABATE

Categoria: Proposte Culturali Scritto da Fioravante Gargiulo / October 23, 2019

Sabato 10 dicembre 2016, alle 18.30, presso l'antica chiesetta di Sant'Antuono di Sant'Antonio Abate (Via Congrega 2), si terrà il convegno "La Congrega. Passato, presente e futuro". tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

L’antica chiesetta dedicata al Santo della Tebaide Antonio Abate, primo anacoreta e padre dell’eremitismo, viene costruita nel secolo XIII sulla strada che dal villaggio conduce a Castellammare di Stabia, utilizzando ambienti di epoca romana, come evidenziano gli storici abatesi proff. Gerardo Sorrentino, Vincenzo D’Aniello e Giovanni Alfano.

L’edificio di culto è riportato nell’anno 1470 in una descrizione del Feudo di Cancelleria che apparteneva ai monaci certosini di Pozzo dei Goti.

La chiesa poi è nominata nel 1520 in un atto del vicario generale della diocesi di Lettere mons. Geronimo Cannavacciuolo, che concede il beneficio al sacerdote Andriano Sorrentino per la morte dell’ultimo possessore don Tolomeo Pentangelo.

Il luogo sacro viene visitato nei secoli XVII e XVIII dai vescovi della diocesi di Lettere, che riferiscono un edificio carente nella struttura e nelle suppellettili sacre.

In questi due secoli il beneficio appartiene al cardinale di Napoli, che lo concede ai parroci della chiesa abaziale di Sant’Antonio Abate fuori Porta Capuana in Napoli.

La chiesetta, successivamente più volte ingrandita e ristrutturata, è creata parrocchia nel 1813 e come tale ha vita fino al 1829, allorché il titolo e il relativo beneficio passano nella nuova chiesa di S. Antonio Abate.

Nell’antica chiesetta allora viene fondata nel 1834 la confraternita dell’Immacolata Concezione dal re di Napoli Ferdinando II.

I confratelli di conseguenza costruiscono dal 1840 al 1865 in sopraelevazione l’attuale chiesa della congrega e l’antica chiesetta di Sant’Antonio Abate è usata come luogo di sepoltura dei defunti iscritti al sodalizio.

L’antica chiesetta o cappella di Sant’Antonio Abate, primo edificio di culto sorto nelle paludi della città di Lettere, si presenta ad una sola navata in uno stile semplice e sobrio, con volte a vela sorrette da poderosi archi a tutto sesto.

Tra il 2015 e il 2016 la chiesetta e gli ambienti romani annessi sono stati interessati da un opportuno consolidamento e restauro con risultati eccellenti e una visione d’insieme sorprendente consegnando così alla comunità abatese e non solo un sito davvero straordinario.

Ad oggi i riti della religione si compiono nella chiesa della congrega, che custodisce opere d’arte notevoli appartenenti ai secoli diciannovesimo e ventesimo, sede della confraternita dell’Immacolata Concezione.

Fonti: 

G. Sorrentino - E. C. Marino, S. Antonio Abate. Storia civile e religiosa del paese e del suo territorio, 1983.

G. Sorrentino - E. C. Marino, La chiesa della Congrega e la Confraternita dell'Immacolata Concezione in S. Antonio Abate, 1998.

G. Sorrentino - Vincenzo D'Aniello - Giovanni Alfano, Il complesso dell'antica chiesetta di Sant'Antonio Abate e della Congrega dell'Immacolata, 2016.

Thank for sharing!

Info sull'autore


Fioravante Gargiulo

Archeologo, appassionato di Fotografia, Socio dell'Associazione CamCampania.