IO, DALI', LA MOSTRA AL PAN DI NAPOLI

Categoria: Beni Culturali Scritto da Francesca Andreoli / September 22, 2019

“Io Dalì” è il titolo della mostra che il Palazzo delle Arti di Napoli ospiterà fino al 10 giugno 2018, dedicata all’abile e virtuoso artista spagnolo Salvador Domènec Felip Jacint Dalí i Domènech.

 

Un personaggio dal carattere eclettico e versatile che ha saputo adattarsi a tutte le forme di arte e le ha magistralmente rappresentate nei suoi disegni, dipinti, fotografie.

Un artista a tutto tondo, i cui interessi hanno spaziato dalla scenografia, alla moda, passando per l’arredamento e la gioielleria, non tralasciando nemmeno la scienza, con la sua passione per l’architettura.

Un’occasione da non perdere, quindi, l’esposizione dedicata all’estro geniale di Dalì, dove attraverso i suoi video, riviste, e tele è possibile indagare e rilevare l'altra vita del più famoso pittore, scultore, scrittore, fotografo, cineasta, designer e sceneggiatore catalano, in una continua scoperta di quello che è il lato meno conosciuto, ma probabilmente il più rilevante per comprendere la sua incredibile e poliedrica personalità.

Curata da Laura Bartolomé e Lucia Moni per la Fundació Gala-Salvador Dalí, vede la consulenza scientifica di personalità quali Montse Aguer e di Rosa Maria Maurell.

La “firma” di questa esposizione, la cui eco sconfina i limiti partenopei e attira il consenso del pubblico internazionale, appartiene, invece, ad Alessandro Nicosia, presidente di Creare Organizzare Realizzare, il quale ha machiavellicamente costruito una mostra ad hoc, appositamente per la città di Napoli.

La mostra , quindi, non è una delle tante che girano per il nostro Paese: il visitatore si fa spazio tra le opere, posizionate lungo un percorso pensato per gli esperti d’arte, ma adatto anche a chi profanamente intende avvicinarsi al Dalì, e a ogni passo dissipa “l’enigma Dalì” e comprende tutta la complessità del personaggio, la sua geniale poliedricità di  pittore, disegnatore, pensatore, scrittore, amante delle scienze, catalizzatore delle correnti d'avanguardia, illustratore, designer, cineasta, scenografo, in una parola: “il genio”.

Un intento tanto affascinante quanto audace, quello dell’esposizione al Pan: restituire a chi la visita tutti i campi in cui si è cimentato il Dalì, attraverso un corpus di opere eterogenee fatto di fotografie, documenti, video, gioielli, ogni cosa a lui appartenuta e da lui creata diventa testimonianza di questa multi sfaccettata personalità.

Iniziano il percorso le sue opere giovanili, quelle degli anni '20 e lo concludono quelle degli anni ’50, periodo in cui fece ritorno nella sua amata Catalogna.

In mostra  è presente anche il celebre “Autoritratto con il collo raffaellesco” del 1921 e diversi disegni per la sua autobiografia "Vita segreta", pubblicata nel 1942.

Dalí è il prodigio, l'artista, il personaggio capace di trasformare se stesso in una celebre creazione, diventando riferimento naturale di artisti del calibro di Andy Warhol, che insieme rendono l’espressione dell’egocentrismo artistico, appannaggio della nostra società.

 

 

“Ogni mattina mi sveglio e, guardandomi allo specchio, provo sempre lo stesso ed immenso piacere: quello di essere Salvador Dalì.” A fine della mostra se ne capisce il perché.

“Io Dalì”

Fino al 10 giugno 2018 al PAN - Palazzo delle Arti Napoli, via dei Mille, 60 – Napoli

Orari: Tutti i giorni dal lunedì alla domenica dalle 9.30 alle 19.30, martedì chiuso

Ingresso: Intero € 10,00;

    Ridotto € 8,00 (per gruppi superiori a 12 persone e per ragazzi sotto i 26 anni)

    Ridotto € 5,00 (per gruppi scolastici; ingresso gratuito per bambini sotto i 6 anni e per           persone diversamente abili con un accompagnatore).

Thank for sharing!

Info sull'autore