RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI A CASTELLAMMARE DI STABIA

Categoria: Beni Culturali Scritto da Fioravante Gargiulo / October 18, 2019

Dopo l’eccezionale scoperta della strada romana a Sant’Antonio Abate effettuata la scorsa settimana, ecco ulteriori rinvenimenti archeologici fuoriuscire dal sottosuolo di  Castellammare di Stabia.

La notizia è circolata nella giornata di oggi ed interessa l’aria di piazza IV Novembre dove si stanno svolgendo alcuni lavori di riqualificazione.  La presenza dell’archeologo sul cantiere è stata fondamentale per individuare le strutture nell’istante stesso in cui emergevano anche se si era già pronti ad uno scenario simile, infatti, come riferisce l’Associazione Stabiae A.D.,  “già nel 1890, l'archeologo e scrittore, Giuseppe Cosenza, attestò che l'intera zona presentava resti di costruzioni di epoca romana post eruzione 79 d.C., descrivendo la scoperta di strade, case, affreschi, tombe, tra la zona Quartuccio, via De Turris, Via Coppola, Palazzo Farnese e Via Gesù. Nell'area antistante la stazione della Circumvesuviana, nei pressi di un palazzo (ora albergo) fu rinvenuta una statua senza testa. L'opera scultorea citata, si trova nei depositi del Museo Archeologico Nazionale di Napoli e può essere paragonata alla celebre "Afrodite Sosandra" di Calamide (scultura greca del V sec. a.C). Guardando le immagini si nota subito una netta somiglianza tra la scultura di Stabiae e quella di Baia.”

E’ ancora presto per confermare, che si tratti di rinvenimenti legati al mondo romano, anche se le fonti citate e la vicinanza alle ville stabiane inducano a pensarlo. Se venisse confermata l’ipotesi di un sito romano successivo all’eruzione Pliniana sarebbe una ulteriore conferma all’ipotesi , varata da diversi studiosi, di una ripresa della città pochi anni dopo la catastrofica eruzione che si aggiunge al tratto della Nuceria-Stabiae e ad altri rinvenimenti soprattutto presso la Cattedrale Stabiese.

Foto tratta dalla pagina facebook “Stabiesi al 100%”

Thank for sharing!

Info sull'autore


Fioravante Gargiulo

Archeologo, appassionato di Fotografia, Socio dell'Associazione CamCampania.