MUSEO DEI CASTELLI DI CASALBORE

Categoria: Beni Culturali Scritto da Palma Emanuela Abagnale / October 22, 2019

Le risorse ambientali e culturali della Campania sono davvero tante... una di queste è rappresentata sicuramente dal Museo dei Castelli di Casalbore, in provincia di Avellino. Abbiamo intervistato, per gettar luce su questa realtà, Simone Ottaiano, Presidente dell'Associazione Culturale Terre di Campania, che ha creato e gestisce il Museo dei Castelli.

«Quando e come nasce il Museo dei Castelli?»

«Il “Museo dei Castelli, percorso didattico-espositivo dei castelli e delle fortificazioni in provincia di Avellino” nasce nel 2013 grazie alla collaborazione tra l'Associazione Culturale Terre di Campania e il Comune di Casalbore. E’ ospitato all’interno dei locali che affiancano la Torre Normanna, simbolo del borgo di Casalbore. Il museo è l’evoluzione del progetto fotografico di valorizzazione del territorio irpino cominciato da Giuseppe Ottaiano oltre 12 anni fa e concretizzatosi nella Mostra Fotografica Itinerante "Immagini come appunti di viaggio – Castelli e Fortificazioni in provincia di Avellino", esposta in prestigiose location in tutta Italia e oggi nucleo principale del percorso espositivo. Di ogni castello irpino incluso nell'esposizione fotografica viene illustrata non solo la sua storia, ma anche quella del territorio su cui insiste, assieme alle sue peculiarità (altri siti di interesse, tipicità eno-gastronomiche) e alle leggende e aneddoti che lo contraddistinguono. Oltre che dell’area espositiva, il "Museo dei Castelli" si compone di un percorso didattico dedicato alla scoperta del mondo dei castelli e del Medioevo, con possibilità di partecipare, per gli alunni degli istituti scolastici, a laboratori didattici a tema. Il "Museo dei Castelli" ospita anche convegni, presentazioni ed eventi dedicati alla valorizzazione del territorio e delle sue tipicità e aspira ad ampliare l'esposizione fotografica grazie all'inclusione dei castelli presenti nel Sannio Beneventano.»

«Quali le finalità del Museo?»

«Il museo nasce per dare il giusto risalto ad un aspetto della provincia di Avellino, e della Campania in genere, spesso trascurato: il ricco patrimonio di siti di incastellamento che interessa i nostri territori. Ne esistono oltre 70 in provincia di Avellino, ognuno con la sua storia e le sue leggende. Il museo racconta un viaggio personale compiuto attraverso i 118 comuni irpini alla scoperta di questo particolare aspetto del territorio. Il percorso fotografico e di informazioni che è derivato da questa esperienza diventa così la porta di ingresso all’Irpinia e ad un modo completamente diverso e originale di vedere questa terra. Una visita al Museo dei Castelli di Casalbore offre una panoramica completa sulle risorse turistiche della provincia di Avellino. La sua attività contribuisce, inoltre, a creare rete tra le imprese e gli altri beni comuni presenti sul territorio di Casalbore e dei comuni limitrofi, in un’ottica sistemica volta a veicolare e gestire flussi turistici in tutta l’area.»

«Iniziative ed eventi in programma?»

«A partire da marzo il Museo dei Castelli di Casalbore ospiterà gli alunni degli istituti scolastici campani di ogni ordine e grado. Sono previsti, durante l’anno, diversi eventi dedicati alla scoperta dei prodotti tipici d’Irpinia con laboratori di degustazione e presentazioni di aziende produttrici, oltreché convegni ed eventi istituzionali. Per tutte le iniziative vi consiglio di seguire il sito web www.terredicampania.it

Thank for sharing!

Info sull'autore


Palma Emanuela Abagnale

Direttore responsabile della rivista CamCampania

Background e Competenze:  “Le mie principali qualifiche sono quelle di Giornalista Pubblicista (iscritta da luglio 2014 all’Albo dei giornalisti pubblicisti della Campania) e di Cultural Manager (avendo conseguito la Laurea magistrale in Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale e Ambientale presso l’Università Federico II di Napoli - Titolo della tesi: “La Comunicazione Integrata per la valorizzazione del territorio). Sono appassionata d’arte e fotografia; raccontare (anche per immagini) e organizzare eventi è ciò che faccio dal 2010 per CamCampania, network artistico-culturale che valorizza beni ambientali e culturali (materiali e immateriali) attraverso la comunicazione integrata.