MAURO FELICORI: IL NUOVO DIRETTORE DELLA REGGIA DI CASERTA

Categoria: Beni Culturali Scritto da Elisabetta Cardone / December 7, 2019

Mauro Felicori, un manager culturale bolognese con alle spalle anni e anni di esperienza, pone sotto la sua ala protettiva uno dei patrimoni artistici più famosi del mondo: la Reggia di Caserta. Il neo-direttore già promette che raddoppierà il numero dei visitatori; suo obiettivo è quello di rilanciare l’immagine di questo nostro gioiello campano, ora totalmente al centro di nuovi progetti ed eventi.

E così, dopo la lunga e tanto discussa procedura internazionale di nomina per la nuova squadra dei 20 direttori museali in Italia, con conseguente polemica di ben 8 direttori stranieri approdati nella nostra penisola, Mauro Felicori, insediatosi da poco meno di una settimana alla direzione della Reggia di Caserta, già lascia intendere di avere idee innovative che stravolgeranno e invoglieranno i turisti di tutto il mondo a visitare il meraviglioso Palazzo Reale di Caserta, dimora storica appartenuta ai Borbone di Napoli e proclamata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Il nuovo direttore 63enne, laureato con lode in Filosofia nella sua città natale e specializzato in Economia della cultura e delle politiche cultuali, si trova dal 2011 a ricoprire il ruolo di direttore del Dipartimento di Economia e promozione della città del Comune di Bologna, dove dal 1986 esercita la mansione di dirigente. Un curriculum professionale ricco e una carriera variegata: ha diretto l’Area Cultura di Palazzo d’Accursio, l’istituzione Musei Civici, l’istituzione biblioteche civiche e il settore Cultura e Rapporti con le Università. All’Alma Mater Studiorum di Bologna ricopre la cattedra di Gestione e Organizzazione delle Imprese Culturali e vanta diverse pubblicazioni in merito.

Si può constatare con tranquillità che già dalle prime interviste rilasciate, Felicori intende conquistarsi la simpatia dei campani, in quanto il direttore ha affermato: “la Campania è la regione più ricca di tesori artistici nel mondo” e adesso con il tempo che avrà a disposizione non ci resta che vedere se il bolognese si conquisterà anche la fiducia della Campania. Al centro del mirino del professore ci sono: promozione, accessibilità e risorse umane. Felicori pensa a un modo più rapido per mettere in comunicazione Roma, Firenze e anche Milano con treni ad altissima velocità, di modo che i turisti in visita nel nostro Bel Paese, possano progettare una piacevole tappa obbligatoria alla Reggia di Caserta. Inoltre il nuovo direttore pone l’accento sull’importanza delle Risorse Umane; egli afferma che “l’esperienza di visita dev’essere tra le più soddisfacenti possibili e questo può accadere solo risolvendo i problemi e le difficoltà che ci sono, creando quindi anche soddisfazione professionale nelle persone che lavorano alla Reggia di Caserta”.

E per terminare si sfiora l’idea di pubblicizzare il Palazzo Reale con i suoi stupendi giardini e le sue favolose fontane anche in Cina, per promuovere la Campania all’interno di un vasto tour culturale e turistico, promuovendo pertanto anche il Museo di Capodimonte, il Museo Archeologico di Napoli, Pompei e Paestum: le punte di diamante della Regione. Resta allora solo da aspettare e da vedere cosa sarà capace di fare l’entusiasta nuovo direttore, giunto nella Reggia firmata da Luigi Vanvitelli, con ottime promesse e buoni propositi.

Thank for sharing!

Info sull'autore


Elisabetta Cardone

Dott.ssa in Archeologia e Storia delle Arti