UNA SECONDA POSSIBILITA'

Categoria: Home Slider Scritto da Elisabetta Cardone / December 6, 2019

Si parla tanto di migranti, di innalzamento di barriere protettive, di decisioni opportune da prendere contro una massa oscura che sembra mettere in forse, e in qualche caso ribaltare, privilegi acquisiti da decenni.

Ma cosa fare se all’improvviso viene meno il confine tra due identità, se l’una e l’altra sembrano intersecarsi al punto da apparire indistinguibili?

Asir e Tobias.

Un inspiegabile scambio di identità genera equivoci, dubbi e sospetti che trasformano una reale vittima in spietato carnefice, con tutte le conseguenze psicologiche e giuridiche del caso.

Un caso scomodo, emblematico, una storia di stringente e struggente attualità.Tratto dall’omonimo racconto di Gamy Moore (pseudonimo della sceneggiatrice Paola Cimmino - ndr) lo spettacolo, realizzato col sostegno dell’Associazione Indila, qui al suo esordio, si propone di sensibilizzare l’opinione pubblica, e in particolar modo i giovani, in relazione alle tematiche dell’immigrazione e dell’accoglienza, del rispetto delle diversità in un’ottica di interscambio culturale. Perché forse siamo tutti uguali o in caso contrario, rappresenteremo sempre e comunque il “forestiero” di qualcuno.

L’opera teatrale Una seconda possibilità, aspetta il suo pubblico impegnato nelle polemiche politiche e umanitarie, a teatro Sala Uno, sito in piazza di Porta San Giovanni, 10 dal 18 al 21 febbraio 2016.

Uno spettacolo sensibile e ricco di fascinosità che spalancherà il suo rosso sipario su una delle tematiche oggigiorno più chiacchierate in tv, al cinema, nelle scuole, tra i ragazzi e in tutte le città d’Italia; geograficamente il nostro”stivale” sembra essere il più predisposto ad accogliere o per alcuni, a subire, il fenomeno dell’immigrazione: perché quindi non dedicare all’immigrazione una commedia teatrale, uno scorcio che dia visibilità a tutte le sfumature racchiuse dalla diversità di etnia?

L’autrice, Paola Cimmino, in arte in arte Gamy Moore, nasce il 1961; pugliese di nascita, romana di adozione, dopo la laurea, il dottorato e una parentesi dedicata all’insegnamento, frequenta a Roma corsi di scrittura e sceneggiatura con docenti come Marino, Montaldo, lo scrittore Andrea Camilleri e tanti altri, avviando a partire dal 1998 un’intensa attività di scrittura e stesura di copioni per il Cinema. L’esordio al Cinema avviene nel 2004, con Bell’epokèr, per la regia di Nico Cirasola.

Autrice-sceneggiatrice di serie web, fra le quali Private life di Ramon & DdP, pubblicata su Amazon in dieci volumi, e ideatrice di format, dal 2010 riveste anche il ruolo di condirettore del multiblog LetterMagazine. Numerose anche le sue pubblicazioni, fra saggi, articoli, romanzi e racconti. Fra le più recenti: Le interviste scellerate di Gamy Moore (2012), Storia di Igwald (2012), Tutta colpa di Calvino (2012), Rime e rimacce di due ragazzacce (raccolta di poesie goliardiche in rima, 2014) e il racconto “Una seconda possibilità” (2015). È presente nell’antologia 365 racconti horror per un anno, Delos Books (2011) con “Il campo dei miracoli”. Nel corso del 2016 è prevista l’uscita di due nuovi titoli siglati con lo pseudonimo di Paulette Verlaine. Una seconda possibilità segna difatti il suo debutto come autrice teatrale.

Per qualsiasi informazione e prenotazioni, è possibile consultare il sito internet Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. telefonare al numero 06 86606211.

Thank for sharing!

Info sull'autore


Elisabetta Cardone

Dott.ssa in Archeologia e Storia delle Arti