MITI E RITI A ISCHIA: LA 'NDREZZATA DI BUONOPANE E IL GIORNO DELLA FESTA DI SAN GIOVANNI BATTISTA A BARANO

Categoria: Feste Popolari Scritto da Rosa Regine / May 23, 2019

Domani 24 giugno, è il giorno in cui si festeggia San Giovanni Battista. A Barano d’Ischia, nella frazione di Buonopane, questa festa è legata da secoli alla danza tradizionale ischitana chiamata ‘Ndrezzata, cioè intrecciata. Questo ballo in realtà viene svolto

regolarmente solo in un’altra ricorrenza religiosa durante l’anno, e cioè nel giorno di lunedì in albis. Si tratta di una tradizione popolare che rappresenta l’isola d’Ischia nel mondo, tanto da essere stata danzata anche all’Expo Milano 2015 e ripresa nel film di Pieraccioni “il paradiso all’improvviso”. Sulle origini di questo ballo vi sono diverse opinioni. Riportiamo qui le parole di Ernesto Fiore:

 Non c’è nessun villaggio in Italia - questo è certo - che abbia più di Buonopane un nome sapido di agreste semplicità, di schiettezza paesana, di vita pacata e serena.
 Pure, quest’angolo dell’Isola dove il nome stesso parla di pace, di aria casalinga, di ospitalità buona e cordiale, è l’angolo dove si custodisce la tradizione di una danza guerriera.
  La guerra, qui ad Ischia non si direbbe di casa, anche se spesso venne a incendiare i suoi lidi. Ve la portarono, volta a volta, siracusani e romani, angioini e aragonesi, ma non è, non può essere - lo si intuisce - tra le predilezioni di questo popolo, che sempre la subì, mai la impose,
  A Buonopane, tuttavia, si coltiva una danza che si vuole guerriera. Come si verifica, fin dal Medio Evo, in alcune città della Germania. È una danza della spada, una Schwerttanz, dicono alcuni, e avanzano l’ipotesi che l’abbiano portata fin qui gli Svevi. Altri ricordano le invasioni barbaresche, le tradizioni guerriere di quei popoli e le loro fantasie in armi.
  La ‘Ndrezzata, tale è il nome della danza, potrebbe dunque essere venuta dal Nord come dal Sud. Ma il caporale Fiore, colui che, immancabilmente, assume la direzione della danza ogni volta che essa si svolge nella piazza San Rocco di Barano, ha invece una sua opinione: che venga dall’Oriente, e precisamente dalla Grecia, dato che appunto a chi lo interroga in proposito egli risponde invariabilmente: «È una danza greca». Chi abbia dato questa informazione al caporale Fiore, che certo della Grecia antica sa ben poco e meno ancora sa di studi etnografici, noi ignoriamo. Ma forse è appunto questa apparente mancanza di «pezze d’appoggio» culturali a rendere più attendibile l’affermazione sommaria dell’isolano. È una voce ancestrale, forse, che parla sulle sue labbra. Una voce che dice il vero, anche se non ce ne spiega il perché.

Con molta probabilità questa danza ha elementi di origine greca, come greca è stata Ischia per alcuni secoli. Proprio come nell’elegia greca, infatti, ci sono il dicitore (il caporale), l’accompagnamento musicale (il clarinetto e le tammorre) e il coro (formato da 18 danzatori). Essa si svolge in  tre fasi distinte:  sfilata, predica e danza. Ciascuno dei 18 danzatori tramanda ai propri discendenti i segreti di questo ballo e il privilegio di parteciparvi. Durante la sfilata metà dei danzatori entra in scena con un giubbetto di colore rosso, che rappresenta gli uomini, mentre l'altra metà indossa un corpetto verde che simboleggia le donne. Alla testa del gruppo sfila il caporale, al suono di due clarini e due tammorre, un tempo flauti e fischietti. Al termine della sfilata i gruppi di danzatori formano due cerchi concentrici, impugnando un piccolo bastone nella mano destra e una spada di legno in quella sinistra. Agli ordini del caporale e al ritmo dei suonatori parte la danza, che ricalca le mosse di base della scherma: saluto, stoccate, parate e schivate. All'interno della danza due sono le figure fondamentali: la formazione della rosa con l'intreccio dei bastoni a mani alzate, e l'elevazione  su di essa del caporale, che in antico dialetto ischitano recita la parte narrata, cioé la predica: le strofe sono dedicate all'amore, alla paura dei saraceni, alle fughe sul Monte Epomeo, alla difficoltà del lavoro nei campi e alla vattut´ e ll´astreche, cioè alla costruzione del tetto bombato in pomice e calce tipica delle antiche abitazioni di Ischia e Procida. Nel passato la ‘Ndrezzata non era preceduta né dal canto introduttivo né dal recitato. A ben guardare però, manca la struttura coreografica delle danze di guerra, la schiera. Qui infatti il cerchio è la figura coreografica principale.

Entrambi i giorni in cui viene eseguita la ‘Ndrezzata sono legati a San Giovanni Battista, ma secondo la tradizione locale, l’esecuzione del lunedì in Albis ricorderebbe il giorno in cui Moropanesi (abitanti di Buonopane) e Baranesi suggellarono la pace tra loro. Si racconta infatti che presso la chiesa di San Giovanni a Buonopane sia stato trovato un manoscritto dove si parla di un vescovo che cercò di placare una lite tra due uomini che si contendevano la stessa donna e che provenivano uno da Buonopane e l’altro da Barano. Questo stesso racconto è stato tramandato in maniera differente dallo  storico locale Giuseppe D’Ascia (1822 -1889) autore, nel 1867, della monumentale “Storia dell’isola d’Ischia”. D’Ascia parla di una lite originata da una cintura persa da una giovane donna di Barano e ritrovata successivamente nelle mani di un giovane “moropanese“ che non aveva intenzione di restituirla. La ‘ndrezzata, perciò, altro non sarebbe che la sublimazione di quello scontro, tanto è vero che i danzatori, armati di bastoni e spade, mimano le mosse della scherma, mentre la cintura rimanda chiaramente al tema universale della fecondità e a quello cristiano della castità. La lite quindi sarebbe stata poi risolta davanti la parrocchia di San Giovanni Battista a Buonopane, dove la cintura, motivo del contendere, venne finalmente bruciata. Andando  ancora più indietro nel tempo, è possibile ritrovare anche un ulteriore nesso tra la festa cristiana e quella pagana, che spiega l’esecuzione di questo ballo in un giorno vicino al solstizio d’estate. La chiave è nella dedica a S. Giovanni, introdotta con il cattolicesimo, che è determinante. La figura di questo santo è stata sovrapposta al Litha (il Sabba del solstizio d’estate) al fine di cristallizzare la festa, senza tuttavia cancellarne il significato originale. Anzi i significati, perché il Litha ne aveva molti: era un sabba di purificazione, di nascita e di consacrazione del matrimonio. Si accompagnavano danza e magie e nel Battista erano presenti tutti questi elementi: la nascita prodigiosa, il ruolo “di battista”, di fustigatore degli amori illeciti e quindi la consacrazione del matrimonio. Al Battista si associano anche altre immagini: il mistero della vita vissuta nel deserto e la danza, a causa della quale viene decollato e grazie alla quale diventa il precursore dei martiri cristiani. Il solstizio d’estate era celebrato anche a Ischia con feste a mare, lungo la costa e con rituali campestri nell’entroterra e con una danza che era probabilmente preceduta da atti purificatori basati sul fuoco e sull’acqua.

Questo il testo in dialetto napoletano:

'Ncoppa Santu Nicola alleramente

'a tutto 'o munno corre tanta gente,

chi cu chitarra e chi cu mandulino

vanno a vedé lu sole a la matina.

'Ncoppa Santu Nicola

è 'na bellezza oinè

e quanno sponta 'o sole

so' cose 'a stravede'.

M'aggio truvato 'a nenna all'Epomeo

e ll'aggio spiata si vò fa' ll'ammore

e m'ha risposto bella e appassiunata

ma vallo a dire a lo mio genitore.

'Ncoppa Santu Nicola è 'na bellezza oinè

e quanno sponta 'o sole so' cose 'a stravede'.

(recitato:) "Io vengo da monte Cupo

per darvi un gran saluto.

Io vengo da Tarantiello

cu 'na lanza e 'nu spurtiello.

Noi siamo tre fratelli

tre valenti marenari:

uno si chiama Gennaro

pesca triglie e calamare

'nato se chiamma Vicienzo

e pesca senza licenza;

scusate signori miei

mio patre m'ha miso a nomme Pulletrone

pecché tengo sempre 'mmano 'stu bastone!

'Nu juorno me jevo passanno pe' lu mare

veco 'nu cefalo ca s'appiccecava cu 'nu calamare.

Cu la lanza lu lanzaje

cu lu cuoppo lu cuppaje

e dinto a lu vuzzo lu menaje.

Me trovo passanno pe' Santa Lucia

tutte me diceno: -Uh che cefalo 'ncuscienza mia!-

'U gabbellotto rummannette 'ncantato:

-Comme, 'stu cefalo accussì gruosso 'e piscato?-

Veco 'nu calabrese

da tanto luntano

cu quatto rane 'mmano

vuleva fa' 'a spesa:

scusate signori miei,

io cu quatto rane ce posso passa'?

Nossignore!

Me vene 'a bile p''a testa

metto 'a mano 'int''a sacca,

caccio 'o curtiello

e dongo 'na botta a 'stu cappiello.

'O cielo m'ha aiutato

'o cappiello nun s'è sfunnato.

...Alice! Alice!

'St'uocchie tuoje so' ddoje curnice,

si saglio 'ncoppa mammeta che me dice?

Saglie... saglie... ca sì 'o padrone d''a casa!

Io pe' ve fà vede' ca songo 'nu valente marenaro,

dongo 'o divertimento a 'sti signuri e me ne vaco!" (fine recitato)

Trallera trallera

tirirà llirà llallera

trallera trallera

tirirà tirirà llallera

e tirà llirà llallera

trarialill'ariarillallà.

Tu vide comme sfila

'stu vuzzo 'ncoppa all'acqua

oinè che t'aggio fatto

ca nun ce vulimmo cchiù.

La lana che ne faje?

a freva te fa'venire,

'nu matarazzo 'e stoppa

cchiù frisco te fa' sta'!

'Ntunino e Nabbulione

s'ha fatto llu dagone

s'ha fatto llu ddaghino

'Ntunino e Giacumino.

Uno ddoje e treje

quatto cinche seje sette e otto.

Nun saccio che vurrisseve

'nu lietto de viole,

ma mò n' è tiempo ancora

e cuntientate pe' mò...

E mastu Raffaele

era 'nu capo fumatore

pe' s'appiccià 'na pippa

ce metteva cchiù de 'n'ora...

Ellà llà llà

sempe chesto saje fa'.

Sì mastu Raffaele

e nun te ne 'ncarica'!

Sfacciata, petentosa

ca ce lo dico a mammeta

e cu 'n'ata vernia 'e sposa

e zengariello e llariulà...

'Sta povera vicchiarella

tu vide comm'è ridotta

e sotto a ll'aria strutta

nun pò cchiù cumpare'...

Quanno me cocco 'a sera

m'abbraccio a 'stu cuscino

e quanno è 'a matina

sempe penzanno a te.

Moglierema ca m'è morta

era 'nu piezzo 'e femmenone

teneva 'e cosce storte

s''e vuleva adderezza'...

Pitidum tidum tindera

apitidum e apintindera....

'Ndandà 'ndandà 'ndandera

aritreia aritré.

Annita fate presto,

raccogli la mappata

la barca è preparata

e bisogna di parti'!

'U ttreja 'u ttreja 'u ttreja

Moglierema che m'è morta

era 'nu piezzo 'e femmenone,

teneva 'e cosce storte

s''e vuleva adderezza'.

Purtualle lisce e musce

e lummeciello pe' sceria'

si 'a monaca jesce e trase

acquasanta piglia e vasa.

Figlia mia fa' orazione

e peccata nun ne fa'

si avisse 'nu buono 'uaglione

già facesse orazione.

Figlia mia fa' penitenzia

e peccata nun ne fa'.

Padre mio, so'fiacche 'e sense

e penitenze nun pozzo fa'.

Si t'assitte 'o scannetiello

ce schiammo 'o libbreciello

uva e bà, uva e bà

zi' masto mio che t'aggia fa'?

Si veniva l'anno passato

teneva astipata 'na scartellata

che puozz'essere scannata

juste pe' 'a tene' astipata

'U ttreja 'u ttreja 'u ttreja..

Thank for sharing!

Info sull'autore


Rosa Regine

Rosa Regine è nata a Ischia (NA), nel  2009 ha conseguito la laurea triennale nel corso di laurea (CdL) in Cultura e amministrazione dei beni culturali presso l’Università degli studi di Napoli “Federico II”, discutendo una tesi in Storia greca dal titolo “Il mito di Tifeo ad Ischia. Dalla condanna greca al recupero locale”, e nel 2012 presso lo stesso Ateneo ha raggiunto anche l’obbiettivo del diploma magistrale nel CdL in Organizzazione e gestione del patrimonio culturale ed ambientale, con una tesi in Bibliografia e Biblioteconomia dal titolo “I canali vecchi e nuovi di diffusione del libro”. Da sempre interessata all’arte e alla cultura, appena dopo la laurea magistrale inizia un percorso di approfondimento della formazione professionale per il settore dell’editoria, degli archivi e delle biblioteche, che la porta a conseguire nel 2015 il diploma della Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica dell’Archivio di Stato di Napoli. Per conto dell’Associazione napoletana Librincircolo realizza l’evento Book-mob a Ischia. Attualmente lavora a Milano presso la Cittadella degli Archivi e sta per conseguire il diploma del master di I livello dell’ISSR “San Pietro” di Caserta in Biblioteconomia e Archivistica ecclesiastica. Ha seguito un corso biennale per animatore diocesano del turismo religioso e culturale, concludendo l’esperienza  teorica con un servizio di guida presso alcune chiese del comune di Forio d’Ischia.