“Trattoria a Chiaia”: la tradizione napoletana sbarca a Caserta

Categoria: Sapori Campani Scritto da Catello Mario Pace / February 23, 2020

Dopo il successo a Via Vetriera 13, nel cuore dello shopping partenopeo, “Trattoria a Chiaia” apre anche a Caserta, in via G.M. Bosco 64, a pochi passi dalla Reggia.

 

La trattoria-pizzeria, nasce da un’idea di Angelo Ranieri, campione del mondo del Trofeo Caputo 2017 per “La migliore pizza di stagione” che, per la nuova sede, si è avvalso della lunga esperienza e collaborazione della famiglia Tutino: “Ho voluto portare la cucina tipica napoletana a Caserta- afferma con orgoglio Ranieri- con piatti tradizionali come la genovese, il ragù e il baccalà. Per la pizza non potevo che scegliere la famiglia Tutino: Il padre Michele, e i due figli Adriano e Luca, sono un pezzo di Napoli di via dei Tribunali che per quattro generazioni hanno affinato le tecniche dell’arte bianca senza mai voltare le spalle alla tradizione”.

Per Adriano Tutino: “L’innovazione che proporremo per questo nuovo progetto è negli ingredienti. Per me l’impasto della pizza deve essere quello classico napoletano << A’ rota di carro>> con una pasta fine e sottile e un cornicione poco pronunciato”

In un ambiente dalle atmosfere calde ed accoglienti, la gastronomia napoletana è esaltata dalla pasta e patate con la provola, dalle linguine al cartoccio con gamberetti, mitili, seppie, polipetti e scampi. Tra le pizze spiccano la “Mammà” con ragù e polpettine e cornicione ripieno di ricotta, la “Mandorlata”, con Pomodorini del Piennolo, Fiordilatte di Agerola, Alici di Cetara e sbriciolata di mandorle e la “Sapori d’Autunno” con pomodorini gialli, pomodorini rossi, provola d’Agerola, noci e funghi porcini. Non poteva mancare un must della pizzeria napoletana quale la classica pizza fritta con cicoli e ricotta.

Napoli incontra Caserta anche nel rispetto per gli ingredienti che il patron Angelo Ranieri ha voluto valorizzare con il dolce “Castagnata”, una rivisitazione della Pastiera napoletana.

Thank for sharing!

Info sull'autore


Catello Mario Pace

Laureato in Scienze Storiche con il massimo dei voti, giornalista, ricercatore per passione e restauratore per hobby. Credo in una missione di diffusione della cultura come valore imprescindibile per il benessere e la libertà di ogni individuo.  Come disse il filosofo tedesco Hans Georg Gadamer, scomparso il 14 marzo del 2002 alla veneranda età di 102 anni: La cultura è l’unico bene dell’umanità che, diviso fra tutti, anziché diminuire diventa più grande.