NATALE A ISCHIA 2017: APPUNTAMENTI E NON

Categoria: Articoli in prima Pagina Scritto da Rosa Regine / September 18, 2020

Il Natale e le festività di fine e inizio anno, per tutti i posti legati maggiormente al turismo estivo come sono le isole, costituiscono momenti di festa da non perdere. Generalmente corrispondono al periodo invernale in cui ci sono più manifestazioni che rianimano

i luoghi di villeggiatura estiva, solitamente chiusi d’inverno. Cartellone ricco di eventi per tutti i comuni dell’isola.

Il comune di Ischia ha presentato il calendario delle proprie manifestazioni con il titolo “Natale a Ischia, un mare di stelle ”: dai Giardini delle meraviglie con le luci nella pineta Nenzi Bozzi al presepe vivente di Campagnano il 29 dicembre, dai mercatini di Natale al concerto di Capodanno al Cine Teatro Excelsior, dalla mostra collettiva “Omaggio a Ischia” a cura del Circolo Georges Sadoul presso la  Torre di Sant’Anna fino al 28 gennaio, alla moda sulla Riva destra del Porto il 30 dicembre, dalla festa di capodanno con Decibel Bellini e Sud58 a piazza Antica Reggia, al classico bagno di capodanno alla spiaggia della Mandra dove il 6 gennaio è prevista anche la rappresentazione dell’arrivo dei Re Magi per l’Epifania.

Il comune di Forio gioca con gusto e tradizioni con il programma “Note di Natale”: questa sera con il cabaret di Enzo e Sal del programma “made in Sud” e la musica dal vivo in centro; venerdì sarà la volta dello spettacolo “Baby Christmas”, galà musicale con la partecipazione di artisti isolani e scuole di danza per aiutare i bambini colpiti dal sisma; il 24 alle ore 06.00 ci sarà “l’Assise ‘e pisce”, ossia il tradizionale mercato del pesce della vigilia in piazza Medaglie d’Oro, e poi presepi, il gospel, le escursioni e i tour enogastronomici organizzati dalla Pro Loco di Panza.

Lacco Ameno ospiterà, tra le varie manifestazioni, il “Presepe in finestrella”, itinerario presepistico nel rione Ortola, e la terza edizione del percorso enogastronomico “Mi manda Rino” che ha al suo centro, neanche a dirlo, l’agrume principe di questo periodo natalizio.

A Casamicciola, il comune più colpito dal sisma, accoglierà quanti vorranno condividere l’atmosfera natalizia con spettacoli di intrattenimento, tombolate e quiz a premi in piazza Marina.

A Serrara Fontana concerti, degustazioni e spettacoli sono riuniti al nome di “Natale insieme

A Barano si potrà festeggiare la vigilia di Natale in piazza assaggiando la pizza di scarola, il baccalà fritto e il vino novello.

 Chi scrive si auspica che quest’anno però, oltre alla serie di eventi che l’isola d’Ischia ha da offrire, questo periodo sia caratterizzato dallo spirito natalizio più autentico, quello dell’accoglienza, visto che molti isolani a causa del terremoto dello scorso 21 agosto si ritrovano a stare in case che non gli appartengono o comunque in sistemazioni di fortuna. Se l’amore e la condivisione sono i valori del Natale, mai come quest’anno a Ischia se ne può dare dimostrazione. L’invito è rivolto alle amministrazioni, perché facciano uno sforzo ulteriore per garantire i diritti dei cittadini colpiti dal sisma: diritto di riappropriarsi dei propri spazi, diritto di studiare, diritto di lavorare, diritto di vivere nella normalità. E allora ben vengano le letterine a Babbo Natale, perché, in fondo, il segreto è tutto lì: guardare le cose con gli occhi puri di un bambino, per apprezzare gioie e dolori come esperienze di vita.

Tagged under:

natale ischia
Thank for sharing!

Info sull'autore


Rosa Regine

Rosa Regine è nata a Ischia (NA), nel  2009 ha conseguito la laurea triennale nel corso di laurea (CdL) in Cultura e amministrazione dei beni culturali presso l’Università degli studi di Napoli “Federico II”, discutendo una tesi in Storia greca dal titolo “Il mito di Tifeo ad Ischia. Dalla condanna greca al recupero locale”, e nel 2012 presso lo stesso Ateneo ha raggiunto anche l’obbiettivo del diploma magistrale nel CdL in Organizzazione e gestione del patrimonio culturale ed ambientale, con una tesi in Bibliografia e Biblioteconomia dal titolo “I canali vecchi e nuovi di diffusione del libro”. Da sempre interessata all’arte e alla cultura, appena dopo la laurea magistrale inizia un percorso di approfondimento della formazione professionale per il settore dell’editoria, degli archivi e delle biblioteche, che la porta a conseguire nel 2015 il diploma della Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica dell’Archivio di Stato di Napoli. Per conto dell’Associazione napoletana Librincircolo realizza l’evento Book-mob a Ischia. Attualmente lavora a Milano presso la Cittadella degli Archivi e sta per conseguire il diploma del master di I livello dell’ISSR “San Pietro” di Caserta in Biblioteconomia e Archivistica ecclesiastica. Ha seguito un corso biennale per animatore diocesano del turismo religioso e culturale, concludendo l’esperienza  teorica con un servizio di guida presso alcune chiese del comune di Forio d’Ischia.