SALERNO: CENA-EVENTO GASTRONOMICO CULTURALE

Categoria: Enogastronomici Scritto da Palma Emanuela Abagnale / September 22, 2019

Cena-evento gastronomico-culturale
Domenica 12 aprile, ore 19:30- EcoBistrot (Lungomare Colombo, 23 –Salerno)
« Post prandium stabis, post coenam ambulabis » (Regimen Sanitatis Salernitanum)

Dopo “DegustArte” a Tramonti in Costiera Amalfitana, dello scorso 8 dicembre 2014, presso la Trattoria San Francisco, nel salernitano continua il programma di cene gastronomico-culturali.
Domenica 12 aprile si porrà l’attenzione sulla Scuola medica salernitana: puntando alle arti e alla gastronomia, si ribadisce l’importanza che la Scuola ha rappresentato nel Medioevo per il meridione d’Italia in campo medico-scientifico, in un momento storico, a cavallo tra XII e XIII secolo, in cui la città di Salerno vide il rifiorire di originali espressioni artistiche, frutto di influenze multietniche e dei commerci nel Mediterraneo.
L’evento culturale si svolge presso EcoBistrot, locale sito sul Lugomare Colombo a Salerno che si caratterizza per la sua apertura verso tematiche sociali e ambientali: la cena prevede assaggi gastronomici con ingredienti stagionali completamente biologici, provenienti dalle aziende salernitane. Il menù (un curioso antipasto, un primo, un secondo con contorno e un dolce, realizzati dalla giovane chef del locale) proposto ai commensali è ricercato, si basa su piatti a base di latticini, cereali, uova, verdure, frutta fresca e secca, spezie ed erbe, molto utilizzati dalla Scuola Medica Salernitana e presenti nei trattati di medicina dell’epoca. Alcune ricette sono tratte dal “Libro de arte coquinaria” di Maestro Martino del 1456.
I piatti dall’antipasto al secondo sono accompagnati dalla birra artigianale salernitana SICHELGAITA del Birrificio Arechi, sul dolce invece vi è un vino speziato medievale: l’IPPOCRASSO. A fine pasto verrà servita una tisana digestiva alle erbe, proveniente dalla tisaneria comunale del Giardino della Minerva.
L’evento vanta la presenza illustre della Soprintendenza BSAE di Salerno e Avellino, e della Delegazione FAI GIOVANI di Salerno. Inoltre numerose associazioni culturali (Università popolare Nuova Scuola medica Salernitana, Adorea, Gens Langobardorum, Gruppo Archeologico Salernitano, Associazione Nemus), partecipano insieme alla Fondazione Scuola Medica Salernitana e all’Ordine dei Medici Artisti AMAS, arricchendo la serata con saluti ed interventi di carattere artistico e gastronomico.
La Dott.ssa Emilia Alfinito, funzionario della Soprintendenza, interverrà sull’importanza e sul valore universale della Scuola Medica; la storica dell’arte Annamaria Parlato, attraverso la ricerca di dipinti e nature morte in età moderna, mostrerà una sequenza d’immagini sull’arte botanica; la Dott.ssa Federica Garofalo dell’Associazione culturale Gens Langobardorum, presenterà i cibi alla mensa del sovrano in epoca medievale; il Dott. Giuseppe Lauriello membro dell’Università popolare Nuova Scuola Medica Salernitana, incuriosirà il pubblico parlando dell’importanza del vino e della birra nel Regimen Sanitatis.
Media Partner dell’evento sono la testata giornalistica salernitana Citizen Salerno (www.citizensalerno.it) ed il magazine di settore Rosmarinonews.it (www.rosmarinonews.it).
A moderare l’evento e gli interventi vi è il giornalista Michele Piastrella, direttore di Citizen Salerno. La serata è a numero chiuso. La prenotazione è obbligatoria.
Per la realizzazione del progetto, l’organizzazione si è avvalsa della collaborazione dello Studio PAMART-Consulenza e Progettazione culturale di Annamaria Parlato (www.pamart.it) che ha fornito la consulenza culturale ed enogastronomica per la realizzazione del menù medievale.

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Thank for sharing!

Info sull'autore


Palma Emanuela Abagnale

Direttore responsabile della rivista CamCampania

Background e Competenze:  “Le mie principali qualifiche sono quelle di Giornalista Pubblicista (iscritta da luglio 2014 all’Albo dei giornalisti pubblicisti della Campania) e di Cultural Manager (avendo conseguito la Laurea magistrale in Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale e Ambientale presso l’Università Federico II di Napoli - Titolo della tesi: “La Comunicazione Integrata per la valorizzazione del territorio). Sono appassionata d’arte e fotografia; raccontare (anche per immagini) e organizzare eventi è ciò che faccio dal 2010 per CamCampania, network artistico-culturale che valorizza beni ambientali e culturali (materiali e immateriali) attraverso la comunicazione integrata.