III EDIZIONE "THE SPACE... IL VILLAGGIO PIZZA & FOOD"

Categoria: Enogastronomici Scritto da Palma Emanuela Abagnale / September 22, 2019

La più grande pizzeria all’aperto della Campania con vista sul golfo di Napoli. È quella che dal primo al 10 luglio sarà allestita sul lungomare di Torre del Greco, in occasione della terza edizione di “The space… il villaggio pizza e food”

la rassegna già ampiamente premiata dal pubblico e dalla critica, che quest’anno cambia location (le prime due manifestazioni si sono svolte al parcheggio Palatucci) e propone una serie di novità assai accattivanti per gli appassionati del gusto. La manifestazione è stata presentata oggi, mercoledì 25 maggio, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato tra gli altri il sindaco di Torre del Greco Ciro Borriello; l’assessore Romina Stilo; Alessandro Porzio in rappresentanza dell’organizzazione; Antonio Sorrentino di Rossopomodoro; Mimmo Pesce, presidente provinciale Napoli di Unicef.

La prima novità sta proprio nel formato: dopo due edizioni dedicate alla sola pizza, stavolta sarà tutto il mondo del food protagonista a The space. Le eccellenze della Regione approderanno in via Litoranea, in un’area lunga un chilometro, tra forni, Car B Q (le auto-barbecue che sbarcheranno per la prima volta in Campania), tavoli, aree per gli spettacoli (voluti dall’amministrazione comunale) e il museo interattivo della pizza, insieme ad un’ampia area giochi per bambini e ragazzi.

Solidarietà e lezioni di cucina nell’area di “Casa Rossopomodoro per Unicef”: per appassionati e curiosi ogni sera lezioni di cucina (ore 19) e pizza (20.30) con chef e pizzaioli rinomati come Gino Sorbillo, Pietro Parisi, Stefano Callegaro, Paolo Gramaglia, Davide Civitiello, Vincenzo Capuano, Antonio Sorrentino e Enzo De Angelis. Il ricavato finanzierà i progetti di Unicef contro la malnutrizione nel mondo.

Insomma, offerte per tutti i gusti e tutte le fasce d’età: gli organizzatori, forti delle prime due esperienze, non hanno lasciato nulla al caso, raccogliendo anche le proposte giunte dai visitatori nel 2014 e nel 2015. Non solo: i promotori di “The space… il villaggio pizza e food” sono ancora disponibili a confrontarsi con chi porterà alla loro attenzione idee valide, magari da inserire nel programma già a partire da quest’anno.

Il resto lo faranno i visitatori, da sempre il punto di forza della rassegna. L’obiettivo dichiarato è sfondare il tetto delle centomila presenze. Un risultato alla portata della manifestazione, visto che lo scorso anno i visitatori del villaggio della pizza a Torre del Greco furono già 90.000.

A fare la differenza, come sempre, i numeri: dieci le pizzerie presenti, nove con forni a legno e una con friggitrici per realizzare pizza fritta e friggitoria mista. Workshop con esperti, momenti di intrattenimento e il nuovo museo interattivo sono i punti di forza di una rassegna capace ogni anno di rinnovarsi.

“L’evento - fanno sapere gli organizzatori - seppur di recente ideazione, è già un punto di riferimento per la stampa e l’informazione di settore”. Sfruttando la bellezza del lungomare, le sorprese non mancheranno: tra queste una sfilata di imbarcazioni da diporto con fumogeni tricolori per la cerimonia di apertura e giochi di luce e fasci luminosi per rendere il villaggio pizza sempre di grande fascino tutto i giorni.

Thank for sharing!

Info sull'autore


Palma Emanuela Abagnale

Direttore responsabile della rivista CamCampania

Background e Competenze:  “Le mie principali qualifiche sono quelle di Giornalista Pubblicista (iscritta da luglio 2014 all’Albo dei giornalisti pubblicisti della Campania) e di Cultural Manager (avendo conseguito la Laurea magistrale in Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale e Ambientale presso l’Università Federico II di Napoli - Titolo della tesi: “La Comunicazione Integrata per la valorizzazione del territorio). Sono appassionata d’arte e fotografia; raccontare (anche per immagini) e organizzare eventi è ciò che faccio dal 2010 per CamCampania, network artistico-culturale che valorizza beni ambientali e culturali (materiali e immateriali) attraverso la comunicazione integrata.