NINA ESPOSITO IN MOSTRA AD AGROPOLI

Categoria: Arte e Talenti Scritto da Francesco Saverio Caiazzo / October 21, 2019

Attesa la mostra personale di Nina Esposito “Quel cantar che nell’anima si sente” presso le belle sale del Palazzo Civico delle Arti di Agropoli (Salerno) fissato con vernissage il 13 agosto 2018 alle 19.30.

La mostra dell’artista rientra nella X edizione di “Linea Contemporanea – Personal”, kermesse a cura del critico d’arte Antonella Nigro che quest’anno ha scelto una rosa di artisti che hanno esposto in location prestigiose quali il Palazzo delle Arti e il Castello angioino-aragonese di Agropoli, la Torre Vicereale di Cetara, il Museo Archeologico Nazionale di Volcei e il Castello e il Palazzo Bonito Oliva di Caggiano. All’inaugurazione, oltre all’artista, saranno presenti il sindaco della città di Agropoli Dott. Adamo Coppola e il Presidente della Commissione Cultura e Beni Culturali Dott. Francesco Crispino. La prof.ssa Nigro a proposito dell’opera dell’artista scrive: “Nina Esposito propone un figurativo di profonda intensità che ha come protagonista il ritratto femminile. Belle e intense le donne dell’artista si presentano all’osservatore come stelle che irradiano pathos e sentimento attraverso uno sguardo dolce e diretto, nostalgico e pensoso. Donne, quelle raffigurate dall’artista, che si raccontano, spesso, attraverso l’elemento dello specchio: il frammento riflettente, suggerimento bretoniano all’indagine interiore, che riesce a cogliere solo parte di un universo complesso come quello femminile, colmo di grazia rara. Scheggia di specchio, anche come metafora malinconica d’un tempo trascorso che, come spina improvvisa e inaspettata acutamente ferisce, ma che deve essere ripercorso e ripreso per iniziare, capire, continuare, giungere.

 

Nina Esposito, infine, attua un superamento della sempre discussa lotta ragione - sentimento poiché, attraverso lo studio delle ombre e della luce insito nei dipinti che è parte integrante della rappresentazione, tende a suggerire momenti, rievocare attimi, cioè a ricordare, anelito inteso nella sua originaria, bellissima etimologia: re-cordis: la memoria ha sede nel cuore.”

Thank for sharing!

Info sull'autore


Francesco Saverio Caiazzo

Avvocato. Tra le sue passioni: l'arte, la fotografia, gli sport all'aria aperta.