LE PANDORINE IN MOSTRA AD ARGILLA'

Categoria: Arte e Talenti Scritto da Francesco Saverio Caiazzo / October 23, 2019

   Si è svolta con grande successo la mostra di ceramica al femminile “Fragilità il tuo nome è donna” con la quale l'Associazione Pandora Artiste Ceramiste, di Cava de’Tirreni,

ha inteso celebrare i quattrocento anni dell'anniversario shakespeariano attraverso una nuova ricerca, nella quale il concetto portante è quello della fragilità che accomuna la frase di Amleto ad una delle caratteristiche precipue dei preziosi lavori ceramici. La mostra è stata inaugurata il 3 settembre 2016 e si è tenuta nell'ambito di ARGILLA' Italia 2016, prestigiosa Biennale di Ceramica Internazionale di Faenza alla quale sono intervenuti: Anna Rita Fasano (Curatrice della mostra e Presidente dell'Associazione Pandora Artiste Ceramiste), Antonella Nigro (Critico d'arte), Lucio Rubano (Vicepresidente Sud Italia AICC),Elena Agosti (Responsabile VIART), mentre la mostra è stata aperta dalla toccante performance artistica di Maria La Mura ed Elia Tamigi. Le artiste, in gran parte provenienti dall’ambito salernitano, si sono concentrate su varie tematiche, tutte affini tra loro, in un’indagine affascinante: l’interpretazione e la rappresentazione del complesso e sfaccettato universo femminile. Una delle proposte più studiate è stata quella della madre come potente simbolo arcaico di molte tradizioni, da cui la produzione di meravigliosi manufatti nei quali il concetto di nascita è stato espresso con particolare efficacia. La madre universale è stata assimilata alla Terra/terra - che è anche elemento fondante del lavoro e dell'opera ceramica - nell'accezione più ampia di genitrice e nutrice, infatti la terra è materia primordiale per eccellenza dalla quale, in numerose cosmogonie, l'uomo nasce per poi ritornare. All’idea di nascita sono state legate numerose opere raffiguranti vasi che, naturalmente, sono portatori dell’ancestrale simbolismo del contenitore dell'energia fisica, emotiva, spirituale e dunque, anch’esso, riferito al parto e alla creazione; così come l’uovo associato sempre all’origine del mondo poiché racchiudente il germe e per la sua forma matriciale. 

Thank for sharing!

Info sull'autore


Francesco Saverio Caiazzo

Avvocato. Tra le sue passioni: l'arte, la fotografia, gli sport all'aria aperta.