'PROSPETTIVE INTROVERSE' MOSTRA D'ARTE A MONTORO

Categoria: Arte e Talenti Scritto da Francesco Saverio Caiazzo / October 28, 2020

‘Prospettive Introverse’ è la mostra collettiva che sarà inaugurata sabato 19 novembre alle 19,00, presso il settecentesco monumentale Convento di Santa Maria degli Angeli nelle località Torchiati di Montoro (Av).

 La mostra celebra la conclusione del secondo ciclo di MONTORO CONTEMPORANEA, rassegna ideata e diretta da Gerardo Fiore e patrocinata dal Comune e dall’Assessorato alla Cultura della Città di Montoro, rivolta agli artisti professionisti che si sono distinti nel panorama nazionale e che intendono donare il proprio contributo alla crescita della collettività verso i linguaggi dell’Arte Contemporanea.

Oltre agli artisti partecipanti - Sara Cancellieri, Ugo Cordasco, Giovanni Cuofano, Silvio D’Antonio, Mimmo Fusco, Edoardo Iaccheo, Eleonora Lo Conte, Angelo Maisto, Luigi Pagano, Antonio Petti, Sara Pistilli, Giuseppe Rescigno, Raffaele Sorrentino, Antonio Serrapica, Tozzoi, Sergio Vecchio -, interverranno alla serata il sindaco Mario Bianchino, l’assessore alla cultura Raffaele Guariniello, il critico d’arte nonché curatrice dell’evento Antonella Nigro, e il direttore della rassegna Gerardo Fiore.

     L’esposizione presenta una rosa di artisti che si sono confrontati, con talento e creatività, su temi cari alla loro riposta sensibilità e alla loro personale indagine. Tale percorso ha prodotto un’esposizione molto curata e di gran pregio, nella quale l’introspezione e la profonda riflessione, diventano il trait d’union delle opere.

Le tecniche utilizzate vanno dalle tradizionali olio e acrilico, acquaforte, acquarello e grafite, su tela, carta e tavola, per abbracciare sperimentazioni miste nelle quali, l’estro artistico ha coraggiosamente saggiato come supporto e, a volte sposato tra loro, antichi e nuovi materiali: terracotte e ferro, carta e legno, lamiera. Antonella Nigro così si è espressa in merito all’esposizione: “Le tematiche affrontate offrono un ampio spettro di considerazioni, poiché l’incoerenza della nostra tormentata contemporaneità colpisce, indubbiamente, l’emotività degli artisti e dirige la ricerca di molti. Compaiono, dunque, barriere e grate, simbolo di dolorosa incomunicabilità; presenze inquietanti e indefinite nella loro evanescenza, metafore di un’infelice, pericolosa e perduta identità; peccati capitali, l’eterno perseverare in consapevoli colpe e insanabili cadute, che solcano, come violente ferite, i nostri giorni. (…) L’uomo è, comunque, sempre protagonista dell’analisi artistica: attraversato dal blu con una vela al posto del cuore o su una cometa tra stelle e scie baluginanti, è l’eterno viaggiatore che non si arrende al limite, ma vuole incontrare, intendere ed unire se stesso con l’infinito. La mostra è visitabile fino al 3 dicembre dal martedì al sabato dalle 19,00 alle 21,00.

 

 

 

 

Thank for sharing!

Info sull'autore


Francesco Saverio Caiazzo

Avvocato. Tra le sue passioni: l'arte, la fotografia, gli sport all'aria aperta.