IL LIBRO DI FRANCESCO MARIA PROVENZANO ALLE SCUDERIE DI VILLA FAVORITA

Categoria: Proposte Letterarie Scritto da Carmela La Mura / November 22, 2019

Ercolano.Venerdì 17 marzo alle ore 18.00, presso Le Scuderie di Villa Favorita, sarà presentato il libro di Francesco Maria Provenzano  “ Un viaggiatore tra Borghi e Città - Dal Centro al Sud alle Isole d'Italia alla scoperta di cultura, storia e tradizioni”  Edito da Pellegrini Editore. Interverranno il Senatore Vincenzo Cuomo  Commissione Beni Ambientali Senato,  Ciro Buonajuto Sindaco di Ercolano.

 Francesco Maria Provenzano racconta un pezzo della sua Calabria e forse di se stesso. La Calabria insieme alle altre regioni del centro-sud Italia e alle nostre isole fa parte del nuovo libro di Provenzano che realizzando quasi un compendio di storia dell’arte e di antica italica bellezza, ha messo insieme le sue tre anime. L’occhio è quello del giornalista che s’immerge nella cronaca dei luoghi e del tempo passato e presente raccontando tradizioni, folklore, riti, curiosità e aneddoti. La mente è quella dell’architetto che soffermandosi su chiese, palazzi, monumenti, piazze, strade e angoli nascosti costruisce prospettive per il lettore che si sente visivamente proiettato prima nella Firenze di Dante, Giotto e Brunelleschi, poi nel vicolo Baciadonne di città della Pieve, il più stretto d’Italia. Basta girare poche pagine per assistere alla Regata delle Antiche Repubbliche Marinare o per passeggiare nella Reggia di Caserta, ancora più al centro del mondo dopo che l’intraprendente direttore Mauro Felicori ne ha raddoppiato di recente gli incassi.

Provenzano, però, è anche un artista, e questa è la sua terza anima. Ama dipingere specialmente nella sua casa di Castelsardo, uno tra i dieci borghi più belli d’Italia e le sue pennellate ricche di sensibilità e colore scorrono tra le pagine di questo libro. Ad esempio, mentre ci racconta della Sardegna, dei suoi odori e sapori, dei suoi pani tipici come il carasau, il pistoccu e lo zichi,  si sofferma sul ricordo dell’artista sarda Maria Lai. Era lei a che amava parlare della Sardegna come di una Grande Madre dimostrando come l’arte sarda sia un’espressione visibile dell’antico culto verso la dea madre: la storia nuragica e prenuragica lo testimoniano appieno.

E’ un libro per chi viaggia in quelle città, piccole e grandi, che vengono raccontate con intima devozione e talvolta con un pizzico di compiaciuta sapienza didattica in grado di soddisfare i turisti più curiosi. È un libro, però, anche per chi quei luoghi non li ha mai visti, perché leggendo poco alla volta, pagina dopo pagina, si può sognare e quasi toccare con mano l’aria ferma tra  piazze e campanili, scorci di sere preziose e luminose mattine. È un libro per capire meglio il Sud, perché Provenzano ha l’ambizione di raccontarlo ben oltre le solite noiose categorie concettuali che lo vedono arretrato e affannato in contrapposizione al laborioso Nord. 

Thank for sharing!

Info sull'autore


Carmela La Mura

Laureata in Organizzazione e gestione del patrimonio culturale e ambientale presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II.

Socia dell'Associazione CamCampania, appassionata di trekking.